Allenatori: allenatevi a comunicare!

[vc_row][vc_column][vc_column_text]

Di una cosa siamo certi: “Non si può non comunicare!”. Questa affermazione non è una nostra invenzione, ma è il primo dei cinque assiomi della comunicazione definiti dalla Scuola di Palo Alto. In altre parole l’uomo comunica sempre e comunque: in ogni parola, gesto, comportamento o scelta (ad esempio lo sport che decidi di praticare) ognuno di noi dice qualcosa agli altri. Pure il silenzio, che è assenza di parola, è un modo strategico di comunicare. 

Ma cos’è la comunicazione e perché è tanto importante nello sport?

Come abbiamo appena detto la comunicazione è onnipresente e costitutiva dell’essere umano. Quando comunichiamo non veicoliamo semplicemente un’informazione, al contrario desideriamo che l’altro colga il significato del nostro messaggio, l’intenzione per cui abbiamo detto quella cosa al fine di provocare in lui una reazione! Facciamo un esempio: l’allenatore richiama il suo atleta dicendogli “Concentrati!“. Proviamo ora ad analizzare questa situazione comunicativa. L’allenatore urla “concentrati“, una parola composta da 11 lettere; con quell’esclamazione sta avvertendo il giocatore che non è attento al gioco con l’intenzione di provocare in lui una reazione comportamentale: recuperare la concentrazione. Se l’esclamazione verbale “concentrati” è accompagnata anche da un’adeguata gestualità ed espressione facciale, allora la comunicazione diventa ancora più efficace. Comunicare in modo efficace significa infatti coordinare i sistemi di comunicazione verbale e non verbale nel veicolare lo stesso significato evitando incomprensioni da parte dell’uditore.

Come potete capire comunicare non è così facile. Ancora più difficile lo è per gli allenatori che attraverso la comunicazione devono insegnare non solo gesti tecnici e tattiche di gioco ma anche i giusti atteggiamenti da tenere in campo, le regole e il rispetto. Fosse solo questo, il compito di un’allenatore sarebbe relativamente facile, se non fosse che deve riuscire anche a coinvolgere e motivare i propri atleti, gestire i rapporti con i genitori, gestire le incomprensioni, spiegare le scelte effettuate e, in ultimo non per importanza, garantire un contesto sportivo che promuova la crescita sana ed equilibrata. Quante cose da gestire e pensate che tutto ciò è possibile solo attraverso la comunicazione: con la parola, i gesti, lo sguardo, i silenzi, il contatto, l’uso dello spazio l’allenatore realizza tutto ciò. Capite bene quindi quanto sia importante essere consapevoli del proprio modo di comunicare e di quali siano le modalità comunicative più adeguate per realizzare tutti quei compiti.

Se si vuole diventare dei buoni allenatori “non si può non comunicare… efficacemente!”

Mentesport

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_cta h2=”” txt_align=”center” shape=”square” style=”flat” color=”orange”]

Scopri il nostro corso per Comunicare e Motivare nello Sport e richiedi maggiori informazioni!

[/vc_cta][/vc_column][/vc_row]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *