I DOLORI MUSCOLARI TRA MITI E REALTA’ Quante volta da allenatori, trainer o nella nostra vita di atleti ci siamo svegliati la mattina seguente un allenamento intenso e abbiamo incolpato l’acido lattico di farci muovere come robot o per non essere in grado di scendere le scale. Per molti anni, e purtroppo in alcuni casi ancora adesso, all’acido lattico è stata attribuita la “colpa” del dolore muscolare post allenamento. Fortunatamente

Nella vita, con le persone per cui siamo importanti, conta ESSERCI, non essere presenti. Per l’ultimo post prima di Natale, vogliamo riflettere sulla qualità del nostro tempo, augurandovi ed augurandoci di ESSERCI con le persone per cui siamo importanti. I nostri figli, amici, fratelli o genitori, ma anche i nostri atleti, hanno bisogno di tempo di qualità insieme a noi. Spesso, ci accontentiamo del semplice essere presenti, convinti sia abbastanza.

COME CAMBIA IL RAPPORTO CON LO SPOGLIATOIO TRA ATLETI E ALLENATORE Lo spogliatoio non è altro che il luogo della palestra o del campo sportivo dove ci si cambia prima e dopo l’allenamento, ma allora perché è così importante nelle dinamiche di una squadra? Fin da piccoli il primo approccio con lo sport è nello spogliatoio, ci si cambia, si incontrano i nuovi compagni e si inizia a respirare l’aria

Come la Psicologia Positiva può aiutarci a essere più felici Questo è il periodo dell’anno in cui c’è la corsa ai regali, c’è chi parte con largo anticipo e chi invece aspetta l’ultimo giorno per comprarli tutti. Inoltre ogni anno sorgono sempre più bancarelle e mercatini di ogni tipo che non fanno altro che esortarti all’acquisto di molte cose che, anche se bellissime, probabilmente finiranno nel dimenticatoio. È il grande

Quando stare tutto il giorno in palestra è un vero e proprio lavoro Sono ormai 10 anni che faccio la personal trainer, prima in palestra poi nel mio studio e in questo lungo periodo ne ho sentite di ogni sul mio lavoro. Già, per molte persone lavorare in palestra non è un vero e proprio lavoro, perché in palestra ci si va per divertirci e di conseguenza anche chi ti

Ore 12.30 di una domenica mattina di Dicembre. Nella pianura lombarda, tra un timido sole e uno strato di sottile nebbia, si gioca una partita di rugby. Giovani possenti, diciotteni determinati a portarsi a casa la partita entrano in campo con le loro divise e le gambe arrossate da un freddo ancora piuttosto tagliente. “Il rugby è uno sport bestiale giocato da gentiluomini” diceva Henry Blaha, rugbista e giornalista statunitense.

Scommetto che almeno una volta nella vita avrai visto o fatto qualche gesto scaramantico vero? Con questo articolo voglio parlarti di che cosa si tratta! Facciamo qualche esempio : “Prima di una gara infilo sempre la scarpa sinistra e poi quella destra, se no la gara va male” “Il giorno della gara uso sempre gli stessi calzini, mi portano fortuna” “ Mia mamma mi da sempre l’in bocca al lupo

(fonte immagine: sportnews.bz)   Elena Fanchini aveva appena ottenuto il via libera dai medici per il ritorno alle gare A Gennaio la campionessa aveva ricevuto la nera notizia di un tumore e aveva reagito con grande tenacia e completamente a modo suo: «Lo batterò, e tornerò in pista». Il suo rientro ufficiale nelle gare veloci di sua competenza, discesa libera e super-G, era previsto per Gennaio, ma la 33enne di

X
  • Entra nel mondo Mentesport!

    Iscriviti alla newsletter per rimanere aggiornato su eventi, corsi ed articoli interessanti
    Email