Come funziona la nostra testa? Domanda tanto affascinante quanto complessa ma, almeno rispetto ad alcuni meccanismi, siamo in grado di rispondere. Nello specifico, il meccanismo di cui vogliamo parlare oggi riguarda il legame tra i pensieri e le azioni. Spesso, durante i colloqui, ci sentiamo dire che determinati gesti, azioni o movimenti non si riescono a concludere come si vorrebbe, senza capirne il perché. Durante uno di questi colloqui, un

“…Il problema che rischia di mettere prematuramente fine alla tua carriera è il perfezionismo. La tua fiducia in te stesso è distrutta e la colpa è del perfezionismo. Cerchi di fare di ogni tiro un vincente, quando essere costante, continuo, terra a terra, ti basterebbe per vincere il novanta per cento delle volte”. Queste sono le parole di Brad Gilbert, ex giocatore di tennis, dirette ad Andre Agassi il giorno

L’articolo di questa settimana prende spunto da alcune chiacchiere avute in studio durante i colloqui e da un libro che da poco abbiamo finito di leggere: OPEN, di Andre Agassi. L’autobiografia dell’atleta tocca moltissimi punti degni di discussione e riteniamo possa essere considerata alla stregua di un manuale di psicologia dello sport! Ciò su cui ci vogliamo soffermare oggi è la definizione degli obiettivi e, soprattutto, la loro origine. È ormai

Ed eccoci arrivati, questa settimana, all’ultimo dei tre articoli riguardo la puntata del programma televisivo “Amici” in cui appaiono Carolina Kostner e Alex Schwazer. In questo articolo, vogliamo concentrarci sulle parole di Schwazer, l’ultimo a prendere parola dopo la bella introduzione di Maria De Filippi e lo splendido discorso della Kostner. La prima cosa detta dall’atleta riguarda il suo passato e le etichette che spesso mettiamo addosso alle persone, Schwazer

Come anticipato settimana scorsa, proseguiamo a riflettere su alcuni temi importanti, partendo dalle parole pronunciate da Carolina Kostner e Alex Schwazer durante la puntata del programma televisivo “Amici” di qualche settimana fa. Nello specifico, in questo articolo vogliamo concentrarci su quanto detto dalla Kostner che, a nostro parere, affronta dal punto di vista psicologico molti argomenti importanti, facendo emergere quella che vogliamo definire la mentalità da campione, mentalità che ogni

Poco tempo fa sono stati invitati Alex Schwazer  e Carolina Kostner al programma televisivo “Amici” (qui il link al video). Abbiamo deciso di scrivere una serie di articoli su questo (uno a settimana) in quanto ci sono molti aspetti interessanti che emergono dai loro discorsi e che riteniamo degni di riflessione (a dire il vero, ne meriterebbero una assai più approfondita di quanto potremmo fare noi in dei semplice post,

“…Tu stai giocando e pensi che stia andando tutto bene, poi qualcosa va storto, e poi un’altra…e un’altra…e tu provi a reagire, ma più cerchi di lottare e più sprofondi…finché non riesci più a muoverti, non riesci a respirare perché sei sopraffatto…come nelle sabbie mobili” . Oggi vogliamo introdurre un tema molto delicato: la paura. Nel video tratto dal film “Le Riserve”, l’atleta racconta di cosa sia per lui la

Questa settimana avremmo dovuto parlare di tutt’altro poi, girando su internet, abbiamo trovato una notizia che ci ha colpito ed abbiamo deciso di cambiare completamente l’argomento! La notizia in questione riguarda una dichiarazione di Javier Zanetti, capitano dell’Inter e simbolo di professionismo e passione. Il giocatore, rispondendo alle domande dei giornalisti riguardo al suo infortunio, dichiara che “la cosa positiva è che manca meno al mio rientro” (notare che il capitano dell’Inter è

Nell’articolo di questa settimana vogliamo parlare di una puntata della nota serie televisiva “Grey’s Anatomy”. Nello specifico, ciò che ci ha colpito è un dialogo tra una ragazza di tredici anni, operata per un problema alle anche, ed il medico. Per riassumere brevemente, la ragazza dovrebbe ricominciare a camminare, ma si oppone con tutte le sue forze anche solo ad alzarsi dal letto. Ciò che la spinge a non collaborare

Un interessante articolo scritto sul Corriere della Sera da Francesco Piccolo racconta di come, durante il test d’ammissione alla facoltà di Medicina dell’Università Cattolica di Roma, la quasi totalità dei ragazzi fosse accompagnata da uno o entrambi i genitori. Il giornalista sottolineava inoltre il fatto che, in tutti gli altri Paesi, i bambini vanno da soli a scuola e come questo sia uno dei tanti modi per “farli diventare indipendenti,

X
  • Entra nel mondo Mentesport!

    Iscriviti alla newsletter per rimanere aggiornato su eventi, corsi ed articoli interessanti
    Email