Campioni di lealtà

 

serteco
Serteco Genova (www.picenotime.it)

 

 

Un brutto infortunio quello che ha costretto Giacomo Nebbia,giocatore della Serteco Volley School Genova, ad abbandonare la scena, nonostante abbia provato con tutte le sue forze, cercando di resistere al dolore alla caviglia, a non mollare.

Un gesto davvero particolare, quello che segue, da parte di Gabriele Ravasio, atleta della Nuova Almevilla, che si ritira arbitrariamente per permettere alle due squadre di giocare con soli tre atleti, da entrambe le parti, garantendo così un gioco equilibrato.

Viene prima la squadra per certi atleti, veri campioni, disposti a sacrificarsi per il bene comune, perché è questo che vuol dire fare gruppo, e amare lo sport giusto e pulito. 

Conta lo sport e non solo la propria squadra, ma tutti quelli che ruotano attorno a questo mondo, ed è per questo che si lotta, non solo per vincere.

Protagonisti, anche se da lontano, non della partita, ma di una lezione di solidarietà, che sarà certamente ricordata e sarà di insegnamento.

E’ la Serteco a vincere, con un percorso netto, nove vittorie in nove partite, ma vince anche la Nuova Almevilla per il gesto di positività e passione.

Non sono solo le vittorie a fare una grande squadra, ma sono i suoi giocatori, che hanno dimostrato di amare lo sport bello e pulito, dando una lezione a tutti coloro che hanno assistito e che hanno applaudito fino alla fine la squadra.

Si conclude così l’edizione del tricolore under 13, che con i suoi successi premia gli sforzi degli organizzatori, che sono stati in grado di ovviare ad alcuni problemi logistici, tra cui un tempo poco favorevole.

E’ stato sicuramente un gesto che sarà ricordato e che segnerà questa edizione, che riporta luce sul mondo dello sport, spesso segnato da episodi decisamente opposti, di violenza e di slealtà.

Questa è la dimostrazione che esiste ancora il gioco pulito e che esistono ancora giocatori slegati da meccanismi economici o di vittoria, che pensano solo al proprio sport, al giocare bene rendendo onore alla squadra.

Gaia Golfieri per Ment&Sport

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *