Cibo e Sport

Ed ecco l’estate… e con essa anche tutti i ritiri e gli stage della maggior parte degli sport. Ciò significa passare almeno una settimana a contatto con i propri compagni, allenatori, etc. 24 ore su 24 e di per sé è un’esperienza bellissima, soprattutto per i bambini che vivono questi momenti in maniera molto particolare!

Oltre ad allenarsi duramente tutti i giorni e quindi rientrare in forma, è un momento fondamentale per la crescita dell’individuo che impara soprattutto a convivere ed adattarsi agli altri, oltre che a diventare più indipendente in quanto, durante questi periodi, ogni bambino è l’unico responsabile delle proprie azioni.

…Ma, come in ogni cosa, a volte capita di vedere o fare alcune cose decisamente sbagliate! Come ad esempio l’eccessiva ossessione di alcuni allenatori per il cibo….e giù con divieti e con un regime alimentare nullo rispetto a tutto lo sforzo fisico che viene richiesto per quattro, cinque ore o più di attività fisica al giorno. Questa dieta inoltre non sempre è corretta e controllata da un dietologo qualificato e, cosa ben peggiore, anche i bambini vengono sottoposti ad esso.
Noi vorremmo fare un appello a tutti questi allenatori…..il cibo è un elemento importantissimo nella vita di ogni persona ed è pieno di significati! Non ha il solo scopo di nutrire per sopravvivere, ma è connotato da una serie di emozioni e sensazioni fondamentali per la vita di ognuno (se no non si spiegherebbero i fenomeni come l’anoressia, la bulimia e l’obesità…ma non è questo il momento di approfondire queste tematiche). Il cibo fin dalla nascita è stato per tutti noi il primo canale di comunicazione con la propria mamma e di conseguenza, nel corso degli anni, ognuno sviluppa un rapporto particolare e personale con esso. Le persone che vietano alcuni cibi secondo i propri criteri arbitrari, sgridando e imponendo divieti,rischiano di far solo del male a tutti questi bambini non solo dal punto di vista fisico ma anche dal punto di vista psicologico!! Io personalmente ho visto bambini mangiare di nascosto e piangere a tavola….ora dico…la tavola e i pasti sono anche un momento per stare insieme e non una sottospecie di lager…godetevi e fate godere ai bambini questo momento fondamentale!

. Un’ultima cosa….un appello a tutti i genitori… se vedete che succede ai vostri bambini ribellatevi insegnando loro l’importanza non solo del cibo, ma del momento del pasto nella sua totalità!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *