Come prepararsi a una gara con le immagini mentali?

Per introdurre il tema dell’articolo di oggi vi proponiamo una semplice attività. Provate a chiudere gli occhi e a rappresentarvi mentalmente le scarpe che di solito usate quando fate sport. Riuscite a vederle? Notate il colore e il marchio? I segni dell’usura o qualche dettaglio particolare? Siete riusciti a creare un’immagine chiara e vivida? Se la risposta è affermativa allora siete dei buoni visualizzatori, qualora fosse negativa, non è nulla di grave, con un po’ di allenamento otterrete buoni risultati. Questo semplice gioco per introdurvi il tema della settimana: il controllo delle immagini mentali. Una delle modalità con cui il nostro cervello elabora i concetti è sotto forma di immagini. Esse sono il linguaggio del cervello, il quale non conosce differenza tra una visualizzazione molto vivida e un evento reale. Come mai? Perchè  sia quando immaginiamo  un’azione specifica, che compiamo l’azione stessa, si attivano le stesse aree celebrali (neuroni mirror). Provate a immaginare di succhiare un bel limone…che reazione corporea avete? Forse il vostro viso accennerà a qualche smorfia di disgusto…

Ricorrere all’uso di immagini mentali quindi può essere molto utile per uno sportivo, in particolare per riscaldarsi mentalmente e per entrare con la testa in gara. Considerando il primo caso possiamo ricorrere all’uso di immagini per ricercare quella condizione ottimale, assolutamente personale, prima di iniziare una prestazione, ad esempio l’essere concentrato. Ripensate a un momento, associato al vostro sport, in cui vi sentivate particolarmente focalizzati su voi stessi e provate a “rivivere” quelle sensazioni. Quando le avrete imprigionate, concretizzatele in un’immagine chiara e vivida. Quest’ultima sarà per voi sinonimo delle stato desiderato, usatela ogni qualvolta desiderate ritrovare quelle sensazioni utili alla performance. La stessa tecnica può essere utile per caricarvi e ricercare quel senso di competenza che a volte l’ansia da prestazione tende a farvi dimenticare: producete un immagine da associare al vostro “essere forti e capaci” e visualizzatela prima di ogni gara, sarà spinta propulsiva e un’iniezione di fiducia!

Infine le immagini, o meglio una sequenza di immagini, possono essere un utile strumento per entrare mentalmente in gara. Un giocatore di tennis potrebbe “vedersi” mentre effettua un ottimo colpo, un centometrista potrebbe visualizzare lo stacco dai blocchi nell’attimo del colpo di pistola, i saltatori in alto potrebbero rivedersi mentalemente, nei minimi dettagli, nell’azione del salto, etc… Questa modalità permette di focalizzare l’attenzione su ciò che sta per accadere, aumentare il senso di autoefficacia e allenare mentalmente il singolo gesto tecnico perchè…immaginare è fare!

Vi invitiamo a mettervi in gioco: provate a creare le vostre immagini da associare a un determinato stato (concentrazione, sicurezza, controllo,…). Se avete qualche dubbio o desiderate avere più informazioni potete scriverci nella sezione L’esperto risponde, siamo a vostra disposizione!

Ment&Sport

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *