Continuare o smettere di far ginnastica?

[vc_row][vc_column][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_message style=”square” message_box_color=”black” icon_fontawesome=”fa fa-question-circle”]

Buonasera, mia figlia di 8 anni pratica ginnastica a livello agonistico allenandosi cinque volte alla settimana per circa 2-3 ore. Sta affrontando un periodo di crisi, piange spesso prima di andare agli allenamenti e nonostante le chieda se voglia smettere lei risponde sempre di no. Aiuto! Non so più cosa fare!

[/vc_message][vc_column_text]

Carissima mamma, grazie per averci scritto.

La ginnastica è uno sport molto particolare, ci si allena ore e ore su singoli elementi alla ricerca del miglioramento o della riuscita dell’elemento stesso, ci si arrabbia quando le cose non vengono e si persevera nel provarle. Quando si riesce a fare un elemento nuovo, le emozioni e le soddisfazioni sono talmente tante da voler attendere un altro momento come questo. E’ forse questo uno dei motivi per cui è così difficile smettere di fare ginnastica! Detto ciò, prima di giungere alla scelta di continuare o smettere, occorre approfondire le motivazioni legate al pianto. Queste crisi si presentano in specifici giorni? E’ già accaduto in passato? Forse il carico di allenamento sta diventando troppo intenso tanto da aver difficoltà a sopportarlo? Come vanno i rapporti con le compagne di squadra e con gli allenatori? Quali sono i motivi per cui fa ginnastica? Cosa le piace della ginnastica e cosa invece, a volte, la rende infelice?

Provi a ritagliarsi uno spazio di dialogo con sua figlia, un momento tranquillo e sereno in cui parlarsi in modo sincero. Per far ciò è bene rassicurare sua figlia che a prescindere dal continuare o meno con la ginnastica, la mamma e il papà continueranno a volerle bene e ad apprezzarla.

Inoltre, può rivolgersi all’allenatore chiedendo anche il suo aiuto e il suo punto di vista al fine di capire come poter gestire questo momento delicato.

Se la situazione persiste, la invitiamo anche a rivolgersi a un professionista di settore come ad esempio uno psicologo dello sport che, attraverso strumenti adeguati, possa sostenervi e supportarvi in questo momento delicato ma che sovente si presenta nel percorso di crescita sportiva.

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vntd_contact_form id=”9120″][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *