Fa freddo e piove…Esco a correre?

[vc_row][vc_column][vc_message style=”square” message_box_color=”black” icon_fontawesome=”fa fa-question-circle-o”]

“Buongiorno. Sono un’ appassionata di corsa e sono solita correre tre volte alla settimana, ma spesso mi scontro con questo problema: quando comincia l’ inverno e il freddo oppure quando piove mi lascio prendere dalla pigrizia e rinuncio all’uscita. Cosa posso fare per spronarmi e non lasciarmi intimorire da questi aspetti?

[/vc_message][vc_column_text]

Grazie della tua interessante domanda che credo frulli nella testa di molti sportivi come te. Per risponderti prendo ispirazione da un libro che mi è capitato di leggere “Lo Zen e l’arte della corsa” di Larry Shapiro in cui tratta proprio di queste difficoltà che diversi runners incontrano. La prima cosa che ti chiedo è: “Perchè ti fai prendere dalla pigrizia?” “Perchè il freddo e la pioggia ti fanno rinunciare all’uscita?”.Riesci a individuare le cause del tuo non uscire a correre in queste situazioni? Immagino che delle possibili risposte possano essere: “perché non mi piace il freddo, perché detesto la sensazione di bagnato dell’acqua, etc.”. Ma se ci pensi bene il freddo e la pioggia non sono altro che uno stato di cose: la pioggia è solo pioggia, così come il freddo è solo freddo. Sei tu che decidi di attribuirgli un significato negativo. Se corri sotto la pioggia, ovviamente ti bagnerai, ma perchè dire che la sensazione di bagnato è qualcosa di negativo? Quando fai la doccia o fai un bel bagno al mare non è forse piacevole la sensazione dell’acqua e del tuo corpo bagnato? Capisci allora che è la tua mente che crea delle resistenze e sei tu che ti attacchi a delle idee create da te stessa… alla fine l’acqua è solo acqua! Capisco che questa mentalità sia molto difficile da applicare e anche da comprendere, ma di fatto non è così sbagliata. Per comprendere meglio questo approccio alla realtà delle cose, che di fatto richiama alla visione ZEN sul mondo, ti consiglio di seguire la nostra rubrica dedicata allo Zen chiamata Pista allo Zen.

Veniamo ai consigli pratici:

 1- Crea una lista delle tue resistenze: perché non riesci ad andare a correre quando piove o arriva l’inverno? (ricorda di rispondere seconda una prospettiva interna, di atteggiamento che provi nei confronti della situazione, es: non mi piace il freddo, e non secondo una prospettiva esterna, es: fa freddo). Quindi cerca di capire perché sei legata a queste idee e prova ad applicare il ragionamento sopra descritto. Ti premetto che non sarà facile, ma provaci!

2- Definisci degli obiettivi settimanali o mensili, scrivili su un foglio e appendilo in un luogo ben in vista così da averli sempre alla tua portata. Gli obiettivi sono il motore della motivazione!

3- Trova un alleato, ovvero una persona che ti sproni ad uscire a correre e ti aiuti a distruggere le tue resistenze (es.marito, amica,…)

4- Corri in compagnia! Avere un obiettivo condiviso e un compagno di corsa aiuta a farsi forza a vicenda e superare i reciproci cali di motivazione.

E ora, tocca a te! Mettiti alla prova e facci sapere come va!

Dott.ssa Maria Chiara Crippa 

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *