Salve,

Vi scrivo in quanto responsabile di una squadra di basket. La mia domanda riguarda i genitori: come posso gestirli?

Buongiorno,

I genitori sono un tema molto importante nello sport giovanile. Spesso ci viene chiesto come gestirli, come convincerli a non intervenire, addirittura tante volte mi è stato chiesto di “riprenderli e rimetterli al loro posto”. Quello su cui voglio però riflettere è il loro ruolo: siamo convinti che siano il “male dello sport”? A me viene da dire di no, anzi! I genitori sono la più grande risorsa che ogni società sportiva ha. Non possiamo chiedere ad un genitore di non esserci, di non rimanere a guardare il proprio figlio, dobbiamo solo farli riflettere su cosa vogliano ottenere.

Mi spiego meglio: ogni genitore vuole il bene e la felicità dei propri figli, nessuno (o perlomeno, io non ne ho mai incontrati) vuole dei figli tristi ed infelici. Il punto è farli riflettere su che cosa stiano ottenendo con i loro comportamenti. Tante volte, con l’intenzione di fare del bene, non si sta aiutando i propri figli. Dobbiamo ricordarci che una volta che entrano in società sportiva, dobbiamo lasciarli liberi di esprimere loro stessi, con tutte le difficoltà del caso. La parola chiave è supporto, al posto di sostituzione. Supportiamo i nostri figli , ricordandoci di non sostituirci a loro perché loro non sono noi e devono fare tante esperienze, belle e brutte, per poter diventare grandi.

A te, responsabile di una società sportiva, mi viene da dire: prova a vedere i genitori come la più grande risorsa che hai a disposizione, ricordando loro però sempre di agire per il bene dei propri figli che, tante volte, non è così semplice ed immediato da cogliere. Quando vedi che non si comportano come dovrebbero, ricorda loro che quello che stanno facendo non aiuta i propri figli ma, anzi, li danneggia! Vedrai che nella maggior parte dei casi le cose andranno meglio.

In bocca al lupo!

Dott. Matteo Vagli

Fai la tua domanda!



Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *