Il sogno di Nairobi

 

hockey tanzania
Valentina Quaranta (africanvoicess.wordpress.com)

 

 

Si, senza pensarci due volte! E’ quello che ha detto Valentina Quaranta quando il segretario della Federazione della Tanzania le ha chiesto un aiuto per raccogliere i fondi per fare in modo che le squadre nazionali potessero partecipare all’Africa Cup of Nations e di allenare la squadra femminile. Ha dato subito la sua completa disponibilità, mettendosi in gioco in questo progetto importante: “Quella notte non ho dormito, mi ricordo che giravo nel letto sognando ad occhi aperti. Il giorno dopo la notte insonne, mi sono seduta e ho iniziato a pensare a cosa volesse dire cercare i fondi per andare a Nairobi”.

Inizia così il lavoro di Valentina, mandando mail a tutte le persone che conosce in Italia per chiedere il loro supporto, fiduciosa che tutti avrebbe voluto partecipare a questo bellissimo progetto, contribuendo in qualche modo alla realizzazione di un sogno.

Ma, manca qualcosa…qualcosa di fondamentale…la squadra. Sono solo quattro le ragazze sul campo da hockey, allora Valentina, insieme a Magan, l’allenatore della squadra maschile, sono andati a cercare le ragazze,le future atlete, una ad una: “Rimettiamo insieme la squadra femminile, vieni al campo, ci alleniamo tutti i giorni presto, dato che abbiamo la possibilità di andare a Nairobi”.

Sulle prime è la diffidenza a farla da padrone e la paura di non riuscire ad arrivare fino in fondo per la mancanza di fondi, come purtroppo era già successo anni fa.

Valentina tranquillizza le ragazze promettendo loro che questa volta sarà diversa, che stavolta ci sono tutte le possibilità di farcela e quindi pian piano la squadra si forma.

Ma trovare i soldi non è facile, Valentina impegna tutta se stessa, chiedendo un supporto a tutti, ma spesso la risposta è negativa,complice forse il momento difficile che sta attraversando il nostro paese.

E forse, alcune grandi aziende preferiscono investire in altri sport, più famosi diciamo, e non sull’hockey femminile.

Ma dopo le nuvole esce sempre il sole, e il sole per la squadra è stata la Pepsi, il cui direttore marketing, caso vuole, è proprio un ex giocatore di hockey, che si è subito interessato all’iniziativa, dimostrando grande interesse. Qualche settimana dopo arriva il tanto atteso si!

Gli aiuti arrivano anche dall’Italia, da parte di tutti gli amici e dalle associazioni che, venute a conoscenza dell’iniziativa, hanno voluto dare il loro prezioso contributo.

Manca poco alla realizzazione del sogno, Nairobi è a due passi e le ragazze hanno intenzione di ricambiare l’aiuto dato, si stanno allenando molto e stanno migliorando sempre di più.

L’obiettivo però, sottolinea Valentina, non è solo far bene a Nairobi, ma riuscire a non mollare dopo, a mantenere la squadra e fare in modo che tutto non cada nell’oblio come successe anni fa.

Ci vuole grande impegno da parte di tutti, per fare in modo che il sogno continui.

                                                                                 Gaia Golfieri per Ment&Sport

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *