La mentalità del campione

I BindunVenerdì abbiamo avuto la fortuna di partecipare ad una serata di beneficenza, “La partita del Cuore“, dove 4 squadre si sono sfidate in un torneo di beneficenza. A vincere, è stata la compagine dei Bindun, squadra formata da ex calciatori per (come si legge sul loro sito) “poter regalare un sorriso a chi nella vita ha ricevuto poco o niente”.

Innanzitutto, a loro vanno i nostri complimenti per un’attività che, dal 1984, continua ininterrottamente a fare del bene, aiutando chi ha bisogno. Ma, oggi, vogliamo concentrarci su un altro aspetto: la mentalità del campione.

Tra i giocatori illustri, figurava un certo Beppe Bergomi, capitano storico dell’Inter e Campione del Mondo con la Nazionale Italiana nel 1982. Venerdì, come tutti gli altri giocatori, era in campo per aiutare a raccogliere fondi, per fare beneficenza, dando una mano a chi ne ha bisogno. Il capitano dei Bindun non si stava giocando una finale di Champions League e neppure uno scontro diretto per la vittoria del Campionato Italiano, eppure… concentrazione, determinazione e voglia di vincere non sono mai venute a mancare.

Perché quell’atteggiamento mentale? Noi abbiamo provato a darci una risposta: i campioni non cambiano atteggiamento sulla base della sfida. Concentrazione, determinazione, voglia di vincere, reattività, sono tutti aspetti che fanno ormai parte di loro. 

Cosa possiamo imparare, quindi? Spesso, erroneamente, siamo portati a calibrare i nostri sforzi, il nostro impegno (fisico e mentale) sulla base della situazione, degli avversari, della ricompensa finale. È qui che ci differenziamo da chi ha una mentalità da campione. Il Campione entra in gara con l’intenzione di dare tutto se stesso, ancora di più, il campione non si diverte se non gioca al massimo delle proprie potenzialità. Chi possiede questa mentalità, sarà sempre un vincente. Naturalmente, per vincente si intende colui che raggiunge i propri obiettivi: non è detto che si riesca sempre a vincere campionati o ad arrivare primi, ma una corretta individuazione degli obiettivi, unita a quella che abbiamo definito una mentalità da campione, porta senz’altro a grandissime soddisfazioni.

Ecco, venerdì Bergomi ci ha insegnato questo: il sorriso ed il divertimento non devono escludere il corretto atteggiamento. Se siamo Campioni, affronteremo ogni sfida al massimo… se affronteremo ogni sfida al massimo, saremo Campioni!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *