Leader, persone comuni con approcci diversi?

Chi è il leader?

Cosa contraddistingue una persona con una certa idea da un’altra con la stessa identica idea?

Forse niente, eppure ci sono persone di successo e persone che falliscono, pur avendo avuto le stesse identiche idee.

Un interessante video con Simon Sinek spiega come i leader siano in grado di ispirarci.

Torniamo alla domanda di prima. Chi è il leader? Inizialmente verrebbe da rispondere una persona carismatica la quale riesce a coinvolgere un gran seguito. E fino a qui nulla di sbagliato.

Ma cos’è, quindi, quell’ aspetto che differenzia quelle persone in grado di smuovere centinaia e centinaia di individui con il loro ideale?

Sinek definisce il cerchio d’oro. Cerchiamo di capire cos’è.

Il cerchio d’oro è composto da tre sezioni. Una più interna, la zona del perché, una intermedia, la zona del come ed infine quella più esterna, la zona del cosa.

Tutte le persone ragionano in modo simile, e tutti i leader ragionano in modo opposto.

Pensiamo a una qualsiasi azienda che propone il suo prodotto. Basandoci sul cerchio d’oro avremmo un percorso così strutturato:

COSA: elogio del prodotto (vendiamo una straordinaria macchina…)

COME: le sue caratteristiche

PERCHÈ: il fine di quel prodotto

Così avremmo un prodotto che viene raccontato partendo dalla sua magnifica efficienza fino al perchè è stato creato.

Molte aziende non tengono nemmeno conto del fine, si basano sul prodotto da costruire e basta.

Invece i leader utilizzano il percorso al contrario.

PERCHÈ: il fine di quel prodotto

COME: le sue caratteristiche

COSA: elogio del prodotto (vendiamo una straordinaria macchina…)

Ed ecco la differenza tra un capo che gestisce ed un leader trascinatore di masse: il fine.

Se il fine è il tuo motore, se la tua idea è ciò che davvero desideri di più al mondo, se fatichi per una cosa perchè ci credi, allora riuscirai a passare il tuo spirito e l’idea stessa agli altri.

Se il fine è arricchirsi e quindi si ragiona nel primo modo, saremo circondati da persone che desiderano solo fare soldi. Poco spronate, poco volenterose di fare qualsiasi cose per la riuscita del compito.

Ma se siamo nel primo caso allora le persone che avrai accanto saranno quelle disposte a sacrificarsi per la causa. Non perchè credono in te, ma come dice Simon perchè sei riuscito a passargli la tua idea, perchè sei riuscito a far capire la ragione di quella azione, così ora gli altri possono farlo da sé e per sé. Il leader non fa altro che ricordare il perchè si crede in un determinato obiettivo. I suoi seguaci, spronati, lottano per loro stessi e per il fine in cui credono veramente.

È così  anche nel mondo dello sport. Una squadra vincente è quella che cresce con lo stesso ideale. È quella coesa verso un determinato risultato, verso un obiettivo.

Quindi è quella con un leader che riesca a trasmettere l’ideale. L’ideale sia insito nella maggior parte di noi, ma serve un leader per riuscire a tirarlo fuori, e per riuscire ad alimentare quella fiamma che altrimenti si spegnerebbe facilmente!

Puntiamo ai nostri sogni ed alle nostre idee. Perseveriamo in quello in cui crediamo e i risultati arriveranno!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *