L’importanza di ricordare

Settimana prossima partirà il nuovo contest #RicordiDiSport. Ma perché abbiamo scelto proprio il ricordo? Semplice! Perché la memoria è fondamentale nella vita di tutti noi: una persona non sarebbe ciò che è se non avesse il ricordo di ciò che è stata. Essa, infatti, contribuisce alla costruzione della nostra identità, ricordandoci chi siamo, da dove veniamo e quello che ci piace. Grazie alla memoria sappiamo, ad esempio, che certe situazioni sono da evitare mentre altre sono da ricercare.

…Cosa ricercare, dunque?

Troppo spesso si è concentrati su ciò che ci è andato male, su quella volta in cui abbiamo sbagliato, quella volta in cui tutto è andato storto, e finiamo per non ricordarci quando invece le cose sono andate bene, quanto ci piace fare quella determinata esperienza e perché abbiamo deciso di intraprendere diverse strade. A volte succede anche di rimanere intrappolati in ciò che è successo, nella memoria di un evento triste, e ciò porta ad una grossa fatica nell’andare avanti. I ricordi, inoltre, si formano insieme all’emozione di quel preciso momento e così influenzano il resto della nostra vita. Ma se un ricordo è legato a un’emozione negativa noi possiamo comunque sforzarci per riuscire a coglierne gli aspetti positivi e trovare la forza per andare avanti. Ovviamente non è sempre facile farlo da soli, ma già il solo rendersene conto può aiutarci ad andare avanti.

Memoria e ricordo sono quindi fondamentali, ma non devono essere l’unica cosa importante nella nostra vita, perché mentre ricordiamo, viviamo nel momento presente ed è fondamentale vivere istante dopo istante, momento dopo momento, perché alla fine il presente è l’unica cosa che possiamo vivere, dato che il passato non c’è più ed il futuro non c’è ancora (e per un certo senso non ci sarà mai perché è sempre qualcosa che deve arrivare).

Ma allora, se il presente è così importante, perché proponiamo un contest sul ricordo sportivo, focalizzandoci quindi sul passato?

Perché è fondamentale creare il più possibile un ricordo condiviso dello sport, perché il ricordo condiviso porta alla creazione di una cultura dello sport e quella che vorremmo proporre è una cultura fondata sui valori sani dello sport, sui racconti positivi di sport o sui racconti di sport negativi ma dai quali abbiamo imparato qualcosa. Vorremmo concentrarci e farvi concentrare sul bello di fare sport, sulle passioni di ognuno di voi, sul ricordo più bello che lo sport vi ha regalato… perché così facendo otterremo un’idea di sport positiva lontana da tutto ciò che lo rovina!

Infine, ricordare e creare un ricordo comune permette di sperimentare e condividere emozioni positive che fungono da corazza per affrontare la vita di tutti i giorni e ci danno la forza per andare avanti contro ogni avversità!

Quindi, state pronti, i #RicordiDiSport stanno per emergere!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *