L’Inter ha perso? No, è l’Atalanta che ha stravinto

L’Inter ha perso? No, è l’Atalanta che ha vinto. Anzi, stravinto.

Il derby nerazzurro se l’è aggiudicato l’Atalanta per 4-1, risultato storico per i bergamaschi nelle sfide ai milanesi. Se c’era una squadra che doveva interrompere la serie di vittorie dell’Inter, quella era proprio l’Atalanta. Una squadra, quella di Gasperini, costruita per fare gioco e provare a vincere contro chiunque.

ATALANTA, SUPERSQUADRA

La partita di ieri ha dimostrato che l’Atalanta in questo momento è di un altro pianeta rispetto a chiunque  (a parte la Juve e forse il Napoli contro cui i bergamaschi devono ancora giocare), anche per una big come l’Inter che veniva da 7 vittorie consecutive in campionato e dal pareggio casalingo in Champions contro la corazzata Barcellona. Il gioco che esprime l’undici di Gasperini è qualcosa di incantevole: veloce nelle ripartenze, sempre propositivo e con alcuni giocatori di classe superiore come Ilicic o Papu Gomez. L’Atalanta, dopo un avvio difficile di stagione causato anche dalla sfortunata e prematura uscita dall’Europa League, ha ritrovato se stessa: una macchina da guerra che negli ultimi due campionati l’ha portata a centrare il traguardo europeo.

L’INTER TORNERA’ A VINCERE

L’Inter di ieri è troppo brutta per essere vera. Ma a renderla così brutta a vedersi è stata una grandissima Atalanta, letteralmente padrona del campo dal 1’ al 90’: l’Inter, che veniva dalla faticosissima partita di Champions pareggiata nel finale contro il super Barcellona, probabilmente non avrebbe perso ieri se avesse affrontato un qualsiasi altro avversario. Ma l’Atalanta era il peggior cliente da incontrare e, così, ha subito una sonora sconfitta. La squadra di Spalletti ha però mostrato nel recentissimo passato di essere una formazione molto quadrata e molto forte con in più un Icardi capo-popolo e goleador implacabile. I tifosi nerazzurri stiano tranquilli: torneranno presto a vincere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *