Buongiorno, ho 35 anni e pratico Judo da qualche anno. È uno sport che mi piace molto e all’inizio lo facevo al posto di andare in palestra, per restare in forma. Ora però lo pratico molto seriamente solo che ho alcuni problemi. Vorrei tanto crescere sempre di più e diventare I dan ma il mio maestro, con il quale mi trovo benissimo, dice che non riuscirò a raggiungerlo perché sono troppo goffo.

Ora il piacere nella pratica mi sta abbandonando e non so se continuare o meno.

Grazie

Gentilissimo,

grazie di averci scritto.

Non so quanto i suoi limiti siano insormontabili, ovviamente una rana non riuscirà mai a volare!

Un’analisi quanto più oggettiva e realistica dei suoi limiti può essere un primo passo per capire se il raggiungimento del suo obiettivo può essere realistico o meno. Potrebbe anche chiedere un parere di altri maestri.

Ma se lei lo desidera così tanto perchè non provarci a prendere questo I dan? Se non ci proverà mai rimarrà sempre con il dubbio e, se non riuscirà a ottenerlo, almeno ci avrà provato. Cosa c’è di più bello del cercare di superare i propri limiti?

Detto questo però bisogna stare molto attenti perché la perseveranza è una caratteristica molto importante nello sport ma non deve sfociare in ossessione. In ogni caso la rinuncia avrà sicuramente maggiori effetti negativi rispetto al provarci ed eventualmente fallire. Quello che conta è il percorso, fatto di allenamento, motivazione e superamento dei propri limiti.

Infine il compito di un maestro non è forse quello di credere nei propri allievi e di supportarli per cercare di farvi raggiungere i propri obiettivi? Ovviamente il suo maestro dovrà fare la sua valutazione sulle sue capacità ma poi dovrebbe comunque aiutarla a cercare di raggiungere il suo obiettivo anche se questo, a detta sua, è molto difficile da raggiungere.

Se invece fosse proprio irraggiungibile può comunque decidere di continuare ad allenarsi per il piacere che prova durante la pratica e apprezzare ogni piccolo miglioramento.

Fai la tua domanda!



Condividi!Share on Facebook5Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *