Nasce una nuova rubrica: Pista…allo Zen!

Succede spesso così.

Si collabora, e dalle collaborazioni nascono nuove idee: è il caso di quello che vi stiamo presentando. Luca Distaso, “Pistacchio”, o meglio “Pista”, per gli amici, ha cominciato a collaborare scrivendo di sport su questo blog, ma poi le cose si sono evolute. Succede che si scopre la sua passione per lo Zen che, insieme alla sua laurea in filosofia, rendono la collaborazione ancora più interessante. La psicologia dello sport prende in prestito molti concetti dallo Zen, e allora perché non creare una qualcosa che metta insieme queste due realtà? Ecco perché nasce la rubrica “Pista…allo Zen”! “Pista”, perché bisogna fare strada a questo nuovo modo di intendere lo sport e, naturalmente, “Pista” perché è grazie al nostro Pista se oggi nasce questa rubrica…che dire quindi?…PISTA…ALLO ZEN!

Vi lasciamo alle sue parole…noi vi diamo appuntamento tra due settimane, per il primo articolo di questa nuova rubrica!

Ment&Sport


In quello che seguirà verranno presentate le linee essenziali del Buddhismo Zen.

Esso rappresenta la gemma più viva della tradizione filosofica orientale e risente fortemente di richiami dal taoismo e dal buddhismo indiano.
Il motivo per cui può essere utile studiare lo Zen è del  tutto pratico. Lo Zen insegna un preciso atteggiamento nei confronti della vita e offre all’uomo, a chiunque sia abbastanza capace di ascoltare, una via per riconsiderare la realtà stessa. Sapere lo Zen e vivere lo Zen comporta una radicale trasformazione del proprio approccio al mondo, ma non solo: esso permette una chiara comprensione di se stessi e delle proprie capacità.

Nello sport la disciplina Zen può offrire un aiuto che non ha pari. Questo perché lo Zen, sebbene non sia ascrivibile in nessuna categoria (filosofica, culturale, psicologica), si caratterizza come uno studio e un lavoro pratico sull’uomo: l’uomo è l’inizio e la fine della via dello Zen.

Lo scopo auspicato di queste introduzioni, e degli articoli che seguiranno, è mostrare come nasca lo Zen, che cosa esso sia nella sua essenza e, infine, mostrare come la psicologia Zen possa essere applicata nello sport (qualsiasi sport si pratichi) in quanto lo Zen si concentra soprattutto ed essenzialmente sulla vita pratica dell’uomo, sulle sue azioni, sulla sua quotidianità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *