“Oggi alla terza ora faccio Sport”

Quando uno come Antonio Rossi scende in campo lo fa sempre per i giusti obiettivi, sia che si tratti di una competizione, sia che si tratti di portare avanti un progetto politico.

Grande campione, con alle spalle una carriera costellata di grandi successi, ora Antonio Rossi, Assessore dello sport per la regione Lombardia, vuole continuare a lavorare per lo sport.

Un passione,la sua, che continua anche dopo le gare, le vittorie e i lunghi anni di agonismo, che l’hanno consacrato a sportivo che sempre sarà ricordato da tutti gli italiani.

Adesso il progetto è altrettanto importante, e con la sua passione e la sua determinazione, riuscirà sicuramente a portarlo a termine. Antonio Rossi si batte affinché lo sport sia sempre più diffuso e abbia un ruolo fondamentale all’interno delle scuole, fin dalle primarie.

Tutti i tipi di sport, devono essere praticati e conosciuti all’interno delle scuole, in modo tale che tutti i ragazzi abbiano modo di avvicinarsi a questo mondo, di appassionarsi e di scegliere la propria strada.

Lo sport non è solo un momento di allenamento fisico, ma anche di condivisione e di educazione, fondamentale per la crescita dei ragazzi, che saranno accompagnati, in alcuni casi per tutta la vita, dall’amore e dalla passione per uno sport.

Ed è questo che Antonio Rossi vuole promuovere: desidera far conoscere lo sport, il mondo fatto di gioie e a volte di sconfitte che aiuta a crescere e a formare il carattere, perchè si impara molto di più di un semplice gesto tecnico.

E non c’è nessuno di più sicuro di un grande campione che ha dedicato la sua vita alla canoa, che lo ha fatto conoscere a tutti con determinazione e voglia di fare, portando a casa dei risultati eccellenti e medaglie.

La speranza di Antonio Rossi, e di tutti coloro che riconoscono l’importanza dello sport, è che presto assuma un ruolo determinante all’interno del percorso scolastico, in modo che i ragazzi, fin da piccoli, possano entrare in questo mondo che li accompagnerà nelle tappe più importanti.

Fonte: Sportsmall.it, 5 Novembre, Intervista di Max Cavallaro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *