Premessa

Questa è la premessa di un diario nel quale scriverò i miei vissuti e i miei stati d’animo, nonché i miei progressi! Della mia sfida, di cui si parla da mesi e che durerà una sola settimana, c’è molto da dire ma devo concentrare in poche righe quello che probabilmente neppure un romanzo potrebbe annoverare tra i propri contenuti.

daniele ddb

Ma allora scriviamolo insieme questo romanzo io con il mio articolo e voi con i vostri commenti! Siete d’ accordo ?  E allora via con  la premessa.

Si lo so, forse enfatizzo le situazioni, ma a poco meno di 45 giorni dalla mia partenza mi trovo nella condizione di tirare un po’ le somme e di iniziare la check list per controllare se c’è tutto, un po’ come si fa prima della partenza per le vacanze …

già le vacanze prima o poi le farò anch’io, vi assicuro che per programmare questa sfida ho speso più energie alla voce stress che in uscite in bicicletta.

Ma come si sa bisogna guardare l’obiettivo e il mio obiettivo è Soverato, il mio obiettivo è Savina… dedicarle una preghiera portando con me l’ affetto e la fatica che mi accompagneranno in questo percorso.

Ho capito che tecnicamente sono pronto per questa missione, pensate che lo sponsor bike è una Cipollini Bond… segno del destino probabilmente. Bond …Dani Bond cosi qualcuno mi ha soprannominato dopo aver visto postate su facebook alcune foto e io mi ci rivedo in pieno tanto che, a sua volta, ho soprannominato la mia compagna d’avventura Bond Girl. Infatti lei, nel rispetto della saga dei più famosi 007, è bella, longilinea, affascinante e per conquistarla ….come si dice … hai voluto la bicicletta? ecco mi sono spiegato! 1100 km non si coprono se alla base non c’è una buona preparazione sia fisica sia alimentare, certo il mezzo tecnico è di livello, ma il fisico? Ho effettuato una visita (perché il lato medico va sempre coinvolto in sfide di questo tipo) e attualmente il mio livello è molto buono. Forse l’ avrete già letto (dai post su facebook e twitter), ma in una uscita di poco tempo fa pedalare per 80 km alla media di oltre 30 km/h e con 40°c costanti è stato un buon esame per capire se nel periodo della sfida il caldo da alleato possa trasformarsi in malefico nemico… per ora è un amico poi vedremo con molti km sulle gambe se manterrà tale etichetta.

All’inizio di questa premessa vi ho parlato di una check list…si tranquilli ho tutto anche se all’appello manca un piccolo particolare… il CAMPER… il mezzo che sarà per me ristorante, spogliatoio, dormitorio, ufficio, officina itinerante e quant’altro, non mi pare poco! e studiare un piano alternativo… mi sa che è un po’ tardino ma chissà magari con il prossimo articolo vi scriverò di una novità… ma visto che scriveremo un romanzo allora lasciamo un po’ suspance prima di girare pagina e appuntamento con il “primo capitolo”.

Daniele

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *