Sono agitato!…Rilassati un po’!

www.lifeassociazione.it
www.lifeassociazione.it

Essere capaci di rilassarsi è una risorsa per lo sportivo al fine di effettuare una performance eccellente. La competizione crea tensioni, ansie, stress che l’atleta deve saper gestire al fine di non “bloccarsi” e di terminare la gara, la partita nel massimo delle sue risorse psicofisiche.

Le tecniche di rilassamento possono aiutare l’atleta a raggiungere uno stato di distensione fisica e psichica, un’adeguata gestione delle situazioni ansiogene e stressanti, una maggiore consapevolezza del proprio corpo, una maggiore concentrazione e focalizzazione dell’attenzione; tutto questo a vantaggio della performance. Le tecniche di rilassamento sono molteplici e devono essere apprese attraverso un allenamento allo scopo di produrre gli effetti desiderati.

Vi presentiamo brevemente due tecniche di rilassamento:

  • Training Autogeno di Shultz (T.A.): utilizza l’aspetto psichico per produrre modificazioni correlate al corpo. Per ottenere il rilassamento si utilizzano delle rappresentazioni mentali ad esso connesse. Le modificazioni psichiche e somatiche vengono provocate automaticamente dal soggetto tramite una serie di graduali esercizi.
  • Rilassamento Muscolare Progressivo: questa tecnica parte dal presupposto che si è in grado di raggiungere uno stato di rilassamento psichico attraverso l’acquisizione di un rilassamento muscolare attraverso il meccanismo di contrazione e decontrazione di alcuni distretti muscolari del corpo.

Al fine di apprendere tecniche di rilassamento base e comprendere quando dovrebbero essere utilizzate, Ment&Sport organizza un corso specifico “Tecniche di Rilassamento nello Sport – Tecniche di allenamento mentale per l’ottimizzazione delle risorse individuali”. Il corso è formato da tre incontri teorico-esperienziali (29 Ottobre, 5 Novembre e 12 Novembre) e possono iscriversi atleti, allenatori, preparatori atletici, dirigenti, genitori e sportivi in generale. Per maggiori informazioni clicca qui

“Torna indietro!” il bruco la richiamò, “ho qualcosa di importante da dirti!”.
Sembrava promettente: Alice si voltò e tornò indietro.
“Mantieni la calma,” disse il bruco.
(Lewis Carroll)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *