SUPPORTO O TIFO? Il ruolo del genitore nello sport

Settimana scorsa abbiamo parlato del coinvolgimento eccessivo nello sport dei propri figli, notando come spesso accada che alcuni desideri appartengano più ai genitori che ai bambini.

Oggi vogliamo fare un passo avanti, concentrandoci sul supporto/tifo. Una volta che il genitore riesce a contenere il proprio coinvolgimento, lasciando al figlio il proprio spazio per crescere e sperimentarsi, arriva il momento in cui bisogna cominciare a pensare al proprio ruolo di genitore nello sport in maniera leggermente differente, ma qual è? In che misura il genitore deve supportare i propri figli? Qual è la differenza tra supporto e tifo? Proviamo a fare un esempio: un genitore promette al proprio figlio un regalo se riuscirà a classificarsi nei primi tre posti o se farà due gol, etc. . In questo caso, il focus dell’attenzione è sul risultato, un fattore che non dipende solo dal bambino/ragazzo e quindi non completamente controllabile. Che cosa significa tutto ciò? Significa dimenticarsi che il risultato è figlio dell’impegno e del lavoro e, soprattutto nel settore giovanile, non è l’unica cosa che conta! Si deve passare da un modello basato sul tifo, inteso come spinta all’ottenimento del risultato (spesso secondo la massima “il fine giustifica i mezzi”) ad un modello basato sul supporto. Con questo termine vogliamo intendere quella forma di appoggio che porta a gratificare il proprio figlio se si impegna, se dà il massimo, indipendentemente da quanto poi otterrà. Significa dire al proprio figlio “ti supporto, ti gratifico perché sei mio figlio, perché ti impegni e voglio principalmente che tu ti diverta” e non “ti supporto e ti premio se vinci“. Il compito del genitore è proprio questo: insegnare ai propri figli che lo sport è veicolo di valori fondamentali, che la vittoria è figlia di un duro lavoro e che non conta solo il risultato. Specialmente nell’età evolutiva, il bambino deve sentire questo appoggio incondizionato da parte dei genitori, che lo supportano e lo valorizzano per quello che è e non per quello che ottiene!

Perciò, genitori ed allenatori, non dimenticatevi mai che lo sport nel settore giovanile è divertimento e crescita ed il vostro appoggio è fondamentale perché lo sviluppo sia sano e sereno!

 MenteSport

Per maggiori informazioni: info@mentesport.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *