Essere come l’acqua: lo Zen e il ciclismo. La vicenda di Manuel Quinziato.

Quest’estate sulla Gazzetta dello Sport è uscita una singolare intervista di Manuel Quinziato, vincitore dell’ultima tappa dell’ Eneco Tour, la corsa che si corre fra Belgio e Olanda. È un’intervista significativa soprattutto se consideriamo come è arrivata la vittoria. Nella tappa regina, con diversi muri delle Fiandre a caratterizzarne il percorso, il corridore della BMC… Continua a leggere Essere come l’acqua: lo Zen e il ciclismo. La vicenda di Manuel Quinziato.

Ernest Gulbis. Fra promesse infrante e talenti sprecati.

Si è conclusa da poco l’esperienza (per quest’anno) della rubrica “Pista allo Zen”. Il senso era stato quello di mostrare come una particolare predispozione mentale possa aiutare a superare gli ostacoli che lo sport ci mette davanti. La storia sportiva di Ernest Gulbis potrebbe senza problemi appartenere a questa rubrica. Nel tennis, come nella maggior… Continua a leggere Ernest Gulbis. Fra promesse infrante e talenti sprecati.

La fine del cammino. Conclusione e consigli pratici

Abbiamo concluso il nostro viaggio nel mondo dello Zen e degli sport. Tutto quello che dal punto di vista teorico poteva essere detto è stato detto. L’attenzione al momento, l’estinzione dell’io, l’azione assolutamente spontanea: le istanze più vive dello Zen sono state presentate. Siamo alle battute conclusive. Quando è nata questa rubrica l’idea era semplicemente… Continua a leggere La fine del cammino. Conclusione e consigli pratici

Zen e maestri

Abbiamo visto nel corso di queste uscite bisettimanali quale sia il contributo della filosofia Zen alla pratica sportiva. Un contributo che è evidentemente di natura mentale, psicologica appunto. Un nuovo punto di vista, un approccio mai pensato prima che invece permette di rivedere completamente lo sport che si sta praticando e chi lo sta praticando. Il… Continua a leggere Zen e maestri

Lo Zen e il tiro con l’arco. Frecce, bersagli e liberazione dall’Io.

Parte seconda. Scompare il bersaglio “quella liberazione da se stessi di cui aveva parlato il Maestro non si trovava sulla via che conduce al vuoto, al distacco?” Con questa domanda si apre la seconda parte sul tiro con l’arco. Siamo ancora nella impasse di attendere senza intenzioni lo scoccare della freccia al momento giusto. “Mi… Continua a leggere Lo Zen e il tiro con l’arco. Frecce, bersagli e liberazione dall’Io.

Lo Zen e il tiro con l’arco. L’azione senza azione.

Parte prima. La respirazione e il tiro. “Lo Zen e il tiro con l’arco” di Eugen Herrigel è il libro diventato un must di tutti quelli appassionati di Zen che vogliono farsi un’idea precisa di quello che lo Zen insegna. Affrontarlo in questo articolo è stata un’impresa molto complessa, e ne parlerò in due uscite… Continua a leggere Lo Zen e il tiro con l’arco. L’azione senza azione.

Lo Zen e la Pallavolo. Velasco, la cultura degli alibi e l’accettazione della realtà.

La seconda uscita dello Sport allo Zen è dedicata alla pallavolo. Per scrivere della pallavolo, oltre che servirmi di alcuni principi dello Zen, non ho potuto non considerare le parole e gli insegnamenti di un personaggio che ha in un certo senso rivoluzionato sia la pallavolo sia l’idea stessa dello sport: Julio Velasco. Su internet… Continua a leggere Lo Zen e la Pallavolo. Velasco, la cultura degli alibi e l’accettazione della realtà.

Lo Zen e l’arte del gioco del calcio. Individualità eliminate, forza del collettivo e concentrazione.

“Dovete guardare il compagno che avete accanto, guardarlo negli occhi, io scommetto che ci vedrete un uomo determinato a guadagnare terreno con voi, che ci vedrete un uomo che si sacrificherà volentieri per questa squadra, consapevole del fatto che quando sarà il momento voi farete lo stesso per lui. Questo è essere una squadra signori… Continua a leggere Lo Zen e l’arte del gioco del calcio. Individualità eliminate, forza del collettivo e concentrazione.

“Nel camminare, camminate. Nel sedere, sedete!”. La fine del viaggio, il satori e la trasformazione.

Ho digiunato, ho meditato, ho rinunciato, ho fatto voti per questo e per quello. Le ho fatte tutte queste cose perchè avevo un milione di anni a disposizione. E alla fine mi sono ritrovato dov’ero: al punto di partenza. Krishnamurti Con queste parole si chiudono le uscite dedicate alla presentazione dello Zen. Il percorso è… Continua a leggere “Nel camminare, camminate. Nel sedere, sedete!”. La fine del viaggio, il satori e la trasformazione.