Tra la cultura ed un preparazione sportiva completa…

1017734_606672942755485_494899437_n
1978870_607742852648494_789795537_nCon giovedì scorso abbiamo terminato il ciclo di incontri presso la Polisportiva Besanese, durante i quali è emerso un grande interesse da parte del pubblico riguardo i temi inerenti la psicologia dello sport. Viene quindi da chiedersi perché vi sia poca cura e attenzione a tali aspetti, a fronte di una così alta curiosità. Noi crediamo che la risposta stia nella cultura. E’ evidente infatti come a livello culturale facciamo ancora molta fatica ad accettare la figura dello psicologo dello sport, del preparatore mentale. Scherzando con i presenti agli incontri, abbiamo ipotizzato come sarebbe assurdo se un ragazzo dicesse al proprio preparatore atletico “io lavoro con te, ma 5514_607742992648480_1722376044_nnon dirlo in giro, mi vergogno”. Eppure, è una frase spesso sentita quando le persone entrano per la prima volta nello studio di uno psicologo dello sport. Il nodo critico è che ancora oggi si tende a collegare la psicologia al concetto di problema, di disturbo psichico, di debolezza. “Se hai bisogno dello psicologo, sei debole”…quante volte abbiamo letto o sentito questa frase? Viene da chiedersi: se vado dal preparatore atletico sono un debole? Sono debole se ho bisogno di un allenatore che mi aiuti a “leggere” la gara? Naturalmente no! Se faccio lo sportivo, ho bisogno di essere preparato fisicamente, tecnicamente e tatticamente. Nessuno si presenterebbe mai ad una gara o ad Schema preparazione mentaleuna partita impreparato fisicamente o senza conoscere i fondamentali tecnici del proprio sport. Eppure spesso ci si presenta impreparati mentalmente perchè “se vai da un preparatore mentale, sei debole”. Chi ha partecipato a questo ciclo di incontri ha capito che non è affatto così, che la componente mentale è tanto importante quanto quella fisica, quella tattica e quella tecnica. In Italia, un po’ a fatica, stiamo cominciando a capirlo. Noi ci auguriamo che possa essere sempre come in questi giovedì passati in compagnia della Polisportiva Besanese, così che tutti gli sportivi possano capire, provando su loro stessi, come la testa giochi un ruolo ben importante nel proprio sport!

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *