Una sfida per beneficenza: “Pedala per lo IOV con Daniele”

Daniele Montigiani foto sfida 1

Qualche mese fa si è concluso il contest #Raccontailtuosport, dove centinaia di voi hanno partecipato condividendo il proprio racconto di sport e votando il preferito. Vi ricordate il vincitore? Daniele ha commosso molti di noi con la sua storia di forza e determinazione, grazie ai quali ha affrontato una brutta malattia con coraggio, senza mai arrendersi. E vi ricordate come si concludeva il racconto? Terminava accennando ad una sfida che avrebbe desiderato realizzare… quella sfida ora si sta concretizzando! Daniele, 1 bici, 7 giorni, 1045 km e l’Italia da attraversare da Nord a Sud per raccogliere fondi per la ricerca oncologica dell’Istituto Oncologico Veneto (IOV). Da oggi vi terremo aggiornati, lasciando spesso la parola a Daniele stesso, sui suoi allenamenti, pensieri ed emozioni, arrivando insieme al 3 agosto 2014, giorno in cui il nostro atleta salirà sulla sua bici per affrontare la prima tappa di un lungo percorso che si concluderà il 9 agosto con l’arrivo a Soverato (CZ)!

Iniziamo il riscaldamento rispolverando la memoria, leggendo la storia con la quale Daniele vinse #Raccontailtuosport…

LA FORZA DI NON ARRENDERSI MAI

Dodici anni fa mentre la mia oncologa recitava il referto terribile io rispondevo …” non so quando e come ma correrò la maratona di New York e verrò a regalarle la medaglia di partecipazione “…non conoscevo la corsa ma volevo aggrapparmi ad un obbiettivo ,da allora dopo un iter chemioterapico e tanta voglia di ripartire e tanti sacrifici anche economici 10 anni dopo ho raggiunto l’ obbiettivo di iscrivermi alla Maratona Newyorkese , ma una volta arrivato la notizia dell’ annullamento a causa dell’ uragano Sandy mi ha fatto sprofondare nello sconforto ,come un effetto domino una serie di fatalità mi ha investito , un problema ad un piede mi impedisce di correre da un anno e lo scorso gennaio la mia dottoressa mi ha lasciato e se n’è andata in silenzio sconfitta dallo stesso male che avevo avuto io . La vita è fatta di continue ripartenze, lo sport che sempre mi ha accompagnato nel corso della mia esistenza mi ha insegnato tutto e mi ha salvato la vita perchè il male ha trovato un fisico pronto ed allenato a sostenere cure indescrivibili. Nella lotta al tumore lo sport mi ha ricordato il dolore e mi ha allenato a sopraffarlo, oggi quello stesso dolore lo voglio ritrovare nel ciclismo (nuova attività sportiva per me ) per farmi ricordare quel periodo di cure e per sentirmi più vicino a lei che se ne è andata troppo presto e non mi ha permesso di mantenere una promessa lunga dieci anni …..per questo il mio prossimo impegno sarà quello di onorare quella promessa elaborando una sfida sportiva con me stesso da affrontare in bici attraversando l’ Italia intera da Padova(Ospedale Oncologico ) a Soverato dove da un anno lei giace. Mi auguro di poterlo fare e di poter raccogliere fondi per la ricerca oncologica lei sarebbe fiera di questo io sarei gratificato per aver vissuto una vita all’insegna dello sport. Grazie per avermi dato opportunità di raccontarvi uno spicchio di vita. 

…STAY TUNED…!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *