Un anno… di bici!

Dopo la splendida vittoria di Vincenzo Nibali al Giro di Lombardia, la classica delle foglie morte, sul 2017 a pedali stanno scorrendo lentamente i titoli di coda. Perché il rompete le righe sia ufficiale bisognerà aspettare fino al 5-11, giorno in cui si correrà l’ultima tappa del Tour oh Hainan, il secondo dei due appuntamenti… Continua a leggere Un anno… di bici!

Doping e superficialità: i problemi del ciclismo

Il ciclismo è stato primo sport italiano per molti decenni e ancora oggi si può tranquillamente affermare che il Giro d’Italia sia l’evento nazionale più seguito dopo la Serie A. Fa quindi parecchia impressione come secondo il rapporto del Coni solo in Valle d’Aosta rientri fra primi 5 sport più praticati (al 4° posto). Quali… Continua a leggere Doping e superficialità: i problemi del ciclismo

Filippo pedala ancora

Un elicottero giallo che si alza in volo…attimi di terrore…un mese in coma … Filippo Bartolacci l’ho conosciuto così: da una notizia su un social che mi ha gelato il sangue. Filippo ha 16 anni, è di Treia nelle Marche, con la sua squadra si stava allenando sulla strada Regina ( ricordate la mia sfida… Continua a leggere Filippo pedala ancora

Essere come l’acqua: lo Zen e il ciclismo. La vicenda di Manuel Quinziato.

Quest’estate sulla Gazzetta dello Sport è uscita una singolare intervista di Manuel Quinziato, vincitore dell’ultima tappa dell’ Eneco Tour, la corsa che si corre fra Belgio e Olanda. È un’intervista significativa soprattutto se consideriamo come è arrivata la vittoria. Nella tappa regina, con diversi muri delle Fiandre a caratterizzarne il percorso, il corridore della BMC… Continua a leggere Essere come l’acqua: lo Zen e il ciclismo. La vicenda di Manuel Quinziato.

La partita più importante

Quando sei un atleta di fama internazionale hai tutti i fari puntati addosso, sempre. Questo vuol dire che quando le cose vanno male, quando oltre ai problemi relativi alla tua disciplina subentrano problemi “veri”, come malattie, tumori, dipendenze la tua storia diventa di dominio pubblico. E allora puoi diventare un esempio per molti. In un… Continua a leggere La partita più importante

“Non c’è più il Ciclismo di una volta!”

In occasione della ricorrenza delle vittorie al Giro d’Italia di Fausto Coppi e di Eddy Merckx rispettivamente nel 1940 e nel 1973, l’intento è quello di provare a raccontare l’evoluzione e le differenze tra il ciclismo di oggi e quello considerato dalla maggioranza il ciclismo dolce, poetico ed avvincente del secolo scorso; quello che risultò… Continua a leggere “Non c’è più il Ciclismo di una volta!”

Massimo Boglia per #ilBellodelloSPORT

[multi][ita]TITOLO: Non fare l’errore di mollare DESCRIZIONE: Non fare l’errore di mollare. Quando non ne puoi più, quando credi di essere al limite, quando ti senti solo e senza speranze c’è una parte di te che aspetta solo di entrare in azione. Questo è quello che insegna lo sport” Massimo è un ex ciclista italiano la cui passione… Continua a leggere Massimo Boglia per #ilBellodelloSPORT

“Caro Davide, sono un ragazzo come tanti altri..”

Vi riportiamo una lettera scritta ed indirizzata a Davide Cassani, CT della Nazionale Ciclismo; che lo stesso Cassani ha deciso di pubblicare sul suo profilo di Facebook. Eccola: “Caro Davide. Sono un ragazzo come tanti altri che ama il nostro sport, quest’ anno sarò terzo anno under 23. Sono un ragazzo del sud, di sacrifici… Continua a leggere “Caro Davide, sono un ragazzo come tanti altri..”

-Marco, perché vai così forte in salita?-. -Per abbreviare la mia agonia. –

Nella storia dello sport a volte capita che qualcuno venga ricordato come qualcosa di più che un semplice atleta. Sono personaggi che trascendono la categoria alla quale appartengono, smettono di essere semplici sportivi e diventano immagini fisse e stabili nella nostra memoria. Atleti che diventano esempi di forza, di abilità, diventano dei veri e propri miti.… Continua a leggere -Marco, perché vai così forte in salita?-. -Per abbreviare la mia agonia. –

No al cibo per essere più veloce, la storia di Cattaneo

Una brutta storia, con un lieto fine e una morale che facilmente potrà essere dimenticata dal suo protagonista, il ciclista Mattia Cattaneo, che pensando di poter andare più veloce in salita essendo sempre più magro, aveva smesso di mangiare. Oggi è lui stesso ad ammettere l’errore e come l’ossessione di vincere a volte possa portare… Continua a leggere No al cibo per essere più veloce, la storia di Cattaneo